FAQ Tirocini

1. Quali sono le tipologie di tirocinio/stage?  
I tirocini possono essere curriculari o extracurriculari.
I tirocini curriculari si svolgono all'interno del percorso di studi universitario e hanno come finalità quella di affinare il processo di apprendimento e di formazione. Danno sempre luogo al riconoscimento di Crediti Formativi Universitari.
I tirocini extracurriculari possono essere svolti solo ed esclusivamente da laureati. Non sono valutati in crediti formativi e sono finalizzati a favorire l'inserimento nel mondo del lavoro, creando opportunità di contatto fra i giovani e le aziende.
I dettagli sulla procedura di attivazione dei tirocini curriculari ed extracurriculari sono reperibili sul sito del Job Placement di Scuola, all'indirizzo: http://www.scienzedellanatura.unito.it/it/job-placement/tirocini-e-stage

 

2. Come bisogna procedere per individuare un ente/azienda presso cui effettuare un tirocinio?
Al seguente indirizzo http://www.scienzedellanatura.unito.it/it/job-placement/offerte-di-lavoro-e-tirocinio/annunci-di-stages-curriculari sono disponibili tutte le offerte di stage curriculari pervenute al Job Placement.
Le offerte di tirocini extracurriculari sono reperibili al seguente link:
http://www.unito.it/servizi/lo-studio/job-placement/offerte-di-lavoro-e-tirocinio
In alternativa, è possibile proporre la propria candidatura agli enti/aziende in contatto con l'ufficio Job Placement, il cui elenco è reperibile al seguente link: http://www.scienzenatura.unito.it/job_placement/studenti/cercazienda.htm, o ad altri enti/aziende individuati su iniziativa personale. Può rivelarsi anche utile fare riferimento ai docenti del Corso di Laurea e/o all'ufficio Job Placement per suggerimenti e proposte.

 

3. Quando è possibile effettuare un tirocinio e quanto tempo può durare?
Ogni studente universitario durante il proprio percorso di studi può effettuare un tirocinio curriculare la cui durata dipende dal numero di Crediti Formativi Universitari previsti dal piano carriera o da quanto previsto dal regolamento didattico. Non può, in ogni caso, superare i 12 mesi.
Il tirocinio extra curriculare, invece, può durare al massimo 6 mesi e deve cominciare entro 12 mesi dal conseguimento del titolo.

 
4. Sono previste coperture assicurative durante il tirocinio?
L'Università degli Studi di Torino provvede alle coperture assicurative di legge per infortuni e responsabilità civile. Gli estremi delle polizze sono riportati sul progetto formativo.

 

5. Quali sono i documenti necessari per l'attivazione di un tirocinio?
Per l'attivazione di un tirocinio è necessario seguire le procedure descritte ai seguenti link:

Stage curriculari: http://www.scienzedellanatura.unito.it/it/job-placement/tirocini-e-stage/stage-curriculari

Tirocini extracurriculari: http://www.scienzedellanatura.unito.it/it/job-placement/tirocini-e-stage/tirocini-extracurriculari

In ogni caso, è necessario contattare l'ufficio Job Placement con congruo anticipo, perché fornisca agli interessati tutte le informazioni e la documentazione utile ad attivare il tirocinio.
 
6. E' possibile verificare se un ente/azienda è già convenzionato?
Al link: http://www.scienzenatura.unito.it/job_placement/studenti/cercazienda.htm è disponibile l'elenco degli enti/aziende interessati ad ospitare in tirocinio studenti e/o laureati della Scuola. Si invita a contattare l'ufficio Job Placement per verificare la vigenza della convenzione.
 
7. A chi spetta l'individuazione del tutor accademico?
Il tutor accademico è un docente del corso di studi che garantisce la coerenza del tirocinio con il percorso di studi del tirocinante (anche se laureato). Viene individuato dal tirocinante in base al contenuto dell'attività e indicato nel progetto formativo previa autorizzazione del docente stesso. Per gli stage extracurriculari, al termine delle attività il tutor accademico deve sottoscrivere, insieme al tutor aziendale, l'Attestazione di tirocinio.

 

8. Quali sono gli orari di svolgimento delle attività di tirocinio?
L'orario giornaliero delle attività è definito dal tutor aziendale in accordo con il tirocinante, tenuto conto dell'orario di lavoro dell'ente ospitante. In ogni caso, non si possono superare i limiti indicati dai contratti di lavoro nazionali di categoria. L'Università provvede alla copertura assicurativa nella fascia oraria indicata sul progetto formativo.
 
9. Come si comunicano eventuali variazioni al tirocinio?
Durante lo svolgimento del tirocinio, per esigenze del soggetto ospitante o del tirocinante, possono intervenire modifiche rispetto a quanto indicato nel progetto originario (proroga, sospensione, interruzione, variazione di tutor). Per comunicare tali variazioni, è necessario compilare l'apposito modulo, reperibile nelle pagine dedicate, ed inviarlo all'ufficio Job Placement, con almeno 5 giorni di anticipo.
Per variazioni di sede o di orario, occorre inviare una mail all'indirizzo jp.scienzedellanatura@unito.it

 

10. Come si procede per registrare le ore di tirocinio effettuate?
Durante il tirocinio è necessario compilare il libretto/agenda di stage, reperibile sul sito del Job Placement di Scuola al seguente link: http://www.scienzedellanatura.unito.it/sites/u001/files/allegati/05-06-2015/registro_presenze_stage.pdf
 
11. Cosa occorre fare al termine del tirocinio?
Al termine del tirocinio è necessario effettuare il monitoraggio come descritto al punto 4 della procedura reperibile ai seguenti link:

Stage curriculari: http://www.scienzedellanatura.unito.it/it/job-placement/tirocini-e-stage/stage-curriculari

Tirocini extracurriculari: http://www.scienzedellanatura.unito.it/it/job-placement/tirocini-e-stage/tirocini-extracurriculari
 
12. Quanti tirocinanti può ospitare un'azienda?
Ogni legge regionale prevede una disposizione in merito. La tabella sotto riportata indica i limiti fissati dalla legge della Regione Piemonte:

 

N. dipendenti a tempo indeterminato N. massimo di stagisti possibili
Da 0 a 5 Uno
Da 6 a 19 Due
Da 20 in poi 10% del numero dei dipendenti a tempo indeterminato

Si ricorda che tali percentuali si riferiscono agli stage extracurriculari. Peraltro, anche nel caso dell'avvio di stage curriculari è opportuno che la percentuale di presenza degli studenti sia coerente con la possibilità di essere adeguatamente affiancati dai responsabili aziendali e non leda i diritti dei lavoratori all'interno dell'azienda.